Difenditi dal caldo con un raffrescatore evaporativo e buone pratiche

05 Luglio 2016

Difenditi dal caldo con un raffrescatore evaporativo e buone pratiche

L’inizio dell’estate ha scaldato le temperature. Il Ministero della Salute agisce in prevenzione e diffonde nuove linee guida, utili per proteggersi dal caldo più torrido. Evitare pericoli, soprattutto per i soggetti più sensibili, significa garantirsi benessere e salute.

Tra i consigli e le attività possibili per difendersi dal calore estivo, l’utilizzo di un raffrescatore evaporativo è una soluzione ecologica ed economica!

Come tutelare la salute pubblica contro il caldo estivo

Data l’esperienza vissuta la scorsa estate, anche quest’anno il primo rialzo delle temperature ha fatto scattare l’allarme caldo. L’eccesso di calore nelle giornate estive può trasformarsi in un vero pericolo e l’assenza di cautela può mettere in discussione la buona salute di anziani, bambini e dei soggetti più sensibili.

La diffusione delle linee guida contro il caldo torrido da parte del Ministero della Salute si inserisce a pieno titolo nel “Piano Operativo Nazionale della Prevenzione effetti del caldo sulla salute”. Si tratta di consigli pratici, facili da seguire e necessari per vivere meglio.

Semplici regole di sopravvivenza anti caldo

A volte succede che i consigli più semplici siano ignorati, ma sono proprio l’abbigliamento e gli accessori, le abitudini alimentari e le più semplici attività quotidiane a dover cambiare, adattandosi senza traumi alle condizioni esterne di vita e lavoro.

Contro le ondate di calore ricordati di:

  • Curare il tuo abbigliamento: adeguato all’ambiente di vita e lavoro.
  • Ridurre la temperatura corporea: attraverso il ricorso di bagni e docce frequenti
  • Tenere sotto controllo l’attività fisica: preferire i momenti più “freschi” della giornata
  • Organizzare le uscite all’aperto: evitare l’esposizione al sole prolungata e nelle ore più calde
  • Proteggere la pelle: utilizzare creme protettive, cappellini e reintegrare i liquidi
  • Scegliere un’alimentazione adeguata: frutta e verdura di stagione, bevendo almeno  2l di acqua
  • Controlla le condizioni del viaggio in auto: evitare di metterla in moto se rimasta parecchio sotto il sole
  • Attenzione all’utilizzo di farmaci, anche se di routine

Infine, è bene tenere sotto controllo la temperatura dentro casa e al lavoro.

Perché scegliere un raffrescatore evaporativo

Il  Ministero della Salute raccomanda di tenere sotto i gradi di calore nella propria abitazione e nell’ambiente di lavoro durante le giornate estive. Utilizzare un impianto di condizionamento può risultare un rimedio inadeguato, soprattutto in grandi ambienti e per l’impossibilità di chiudere porte e finestre. Inoltre, installazione, funzionamento e gestione di un impianto di condizionamento ha costi elevati. L’utilizzo di gas refrigeranti, tossici per l’atmosfera, costano caro anche alla nostra salute.

Tutto ciò non significa rinunciare all’aria fresca!
Il consiglio è raffrescare l’ambiente in modo naturale ed ecologico.
Con un raffrescatore evaporativo è possibile:

  • generare un ricambio d’aria fino a 25 volte in un’ora
  • arricchire l’aria immessa di ossigeno
  • consumare solo energia elettrica necessaria per avviare il ventilatore
  • utilizzare un’esigua quantità d’acqua
  • non utilizzare gas refrigeranti sfruttando il principio naturale dell’evaporazione

Conoscere il raffrescamento evaporativo significa scoprire un’alternativa innovativaeconomica ed ecologicaal condizionamento tradizionale, con ampi vantaggi in termini di salutebenessere e comfort

Aquarial

Numero 1 in Italia

Socaf, fondata nel 1982, e vincitrice del Premio Industria Felix 2018, che la riconosce come la Migliore Piccola impresa della provincia di Bergamo, è attiva da 15 anni anche nel settore del raffrescamento evaporativo con il marchio Aquarial, leader del settore. La consolidata esperienza di Aquarial è il punto di forza dell’azienda, oggi numero 1 in Italia per il raffrescamento evaporativo. Oltre 2.000 clienti soddisfatti, tra cui più di 700 per impianti di raffrescamento fissi distribuiti come evidenziato in mappa.