Estate 2014: il maltempo da record sarà presto un (brutto) ricordo

05 Settembre 2014

Estate 2014: il maltempo da record sarà presto un (brutto) ricordo

L’estate 2014 è stata l'estate dei record: 24 perturbazioni e 720mila fulmini registrati dal centro meteo italiano. Non ci resta che sperare in settembre per goderci un po’ del tanto sospirato caldo. Secondo i dati del Lamma, il Laboratorio di Monitoraggio e Modellistica Ambientale, il mese di luglio, con pioggia un giorno su tre, ha registrato il numero più alto di precipitazioni, mandando in subbuglio i programmi dei vacanzieri, gli affari del settore turistico e del settore agricolo oltre a causare disagi e allagamenti in buona parte d’Italia.

Ma perché un’estate così piovosa? La colpa, dicono gli esperti, è dell’inverno troppo caldo e piovoso dello scorso anno. Il motivo di tutta questa pioggia va infatti ricercato negli otto mesi precedenti e nella configurazione meteorologica anomala che si è creata sull’Atlantico tra la fine del 2013 e l’inizio del 2014.

Mai vista un’estate così?

L’estate 2014 é un’estate da record: dal 1° giugno scorso sono 24 le perturbazioni transitate sull'Italia e hanno colpito soprattutto il Centro nord, rispetto alle 9 del 2013, definita già un’estate piuttosto piovosa. Non si tratta però di un’anomalia senza precedenti: in passato, ricordano gli esperti, ci sono state anche estati più piovose e più fredde, come per esempio quelle degli anni Settanta, quando buona parte della comunità scientifica pensava che si stesse andando verso una nuova glaciazione. Fortunatamente a smentire gli scienziati furono le estati successive, quando il sole è tornato a scaldare le nostre estati, come secondo le statistiche dovrebbe fare nella prossima estate.

I must-have della primavera-estate 2015

La mancata presenza dell'Anticiclone nordafricano, che negli ultimi anni ci aveva abituati a frequenti e intense ondate di calore sembra aver definitivamente cancellato l’estate 2014 e c’è già chi parla di anticipo d’autunno: per rendersene conto basta fare un giro per le città e vedere le vetrine dei negozi dove bikini e infradito hanno già lasciato il posto a cappotti e stivali. Ma come la moda che è sempre un passo avanti e che in questo inizio di settembre propone le collezioni primavera-estate 2015, anche noi stiamo già pensando alla prossima estate.

I meteorologi rassicurano che non siamo condannati a una nuova era glaciale e che con tutta probabilità l’anno prossimo questa estate piovosa non sarà che un brutto ricordo. Insomma, al meteo non si comanda, ma non è mai troppo presto per prepararsi alla prossima estate e il nostro must-have della primavera-estate 2015 sarà l’aria fresca dei raffrescatori evaporativi Aquarial!