Impianti Aquarial per Industria 4.0: detrazione fiscale per impianti di climatizzazione

03 Giugno 2021

Impianti Aquarial per Industria 4.0: detrazione fiscale per impianti di climatizzazione

Grazie a Industria 4.0, acquistando un impianto Aquarial AQU 18.000, AQU 30.000 e AQU 50.000 entro il 31 dicembre 2021, puoi beneficiare della detrazione fiscale per impianti di climatizzazione e recuperi il 50% sotto forma di credito d’imposta.

 

Stai pensando a come risolvere il problema del caldo estivo nella tua azienda e ti stai chiedendo se lo Stato ha messo a disposizione una detrazione fiscale per impianti di climatizzazione? La risposta è sì. Grazie alla Legge di Bilancio 2021, le imprese che effettuano investimenti legati al Piano Nazionale definito Industria 4.0. possono beneficiare di importanti agevolazioni fiscali. Nello specifico, le aziende che fanno investimenti che consentono l’automazione dei processi, hanno diritto al credito d’imposta pari al 50%.

 

Noi di Aquarial da sempre siamo impegnati sul fronte dell’innovazione, per proporre ai clienti impianti di raffrescamento efficienti ed ecologici. Tutti i nostri raffrescatori, infatti, non utilizzano liquidi refrigeranti o gas dannosi per l’ambienti e, in aggiunta, i raffrescatori fissi AQU 18.000, AQU 30.000 e AQU 50.000 possono anche essere dotati di una tecnologia supplementare, chiamata Controller Plus, che consente alle aziende di gestire l’impianto da remoto.

 

L’integrazione del Controller Plus consente a questi 3 modelli di raffrescatori fissi Aquarial di rientrare nel Piano Nazionale Industria 4.0, in quanto rispondono positivamente ai requisiti dell’Allegato A della L.11 Dicembre 2016, n. 232 c.d. Legge di Bilancio 2017, e, di conseguenza, ti permettono di ricevere il rimborso del 50% sotto forma di credito d’imposta.

 

Le funzionalità del Controller Plus

Il Controller Plus di Aquarial è una tecnologia dotata di un’intuitiva interfaccia touchscreen 10’’ che viene installata in azienda e che permette di gestire da remoto uno o più raffrescatori collegati. Il Controller, infatti, permette di governare l’impianto “a zone” e accendere e spegnere contemporaneamente i raffrescatori inclusi in una specifica zona.

 

Il Controller Plus consente anche di programmare l’accensione e lo spegnimento automatico dei macchinari, di impostare la velocità delle ventole e dell’estrattore e di monitorare la temperatura dell’aria e l’umidità. È dotato anche di sensori capaci di rilevare eventuali malfunzionamenti dell’impianto e inviare segnali al sistema.

 

Ciascun modello di raffrescatore fisso - AQU 18.000, AQU 30.000 e AQU 50.000 - risponde a specifiche esigenze di raffrescamento in azienda. Vediamole nel dettaglio.

 

AQU 18.000

Il primo modello, che può essere dotato della tecnologia supplementare per la gestione da remoto che consente di accedere ai benefici fiscali di Industria 4.0 e recuperare il 50% della spesa, è AQU 18.000. Si tratta di un raffrescatore fisso ideale per le industrie di medie e grandi dimensioni in quanto può raffrescare una superficie ampia fino a 250 mq.

 

In base alla grandezza dell’ambiente di lavoro è possibile installare uno o più raffrescatori AQU 18.000. Le sue dimensioni sono 116 x 116 x 90 cm, ha una potenza di 1100 W, consuma 15-20 litri di acqua ogni ora e ha una rumorosità inferiore a 73 db.

 

AQU 30.000

La soluzione ideale per il raffrescamento di grandi ambienti industriali fino a 400 mq è AQU 30.000, il raffrescatore industriale che permette di abbassare la temperatura interna fino a 10° rispetto a quella esterna. Il grande vantaggio dei raffrescatori, rispetto agli impianti di climatizzazione, è che consentono continui ricambi d’aria e contribuiscono a rendere l’aria più pulita e sanificata.

 

Anche nel caso di AQU 30.000, se necessario, è possibile installare uno o più macchinari e collegarli tutti al Controller Plus per rendere centralizzata e automatizzata la gestione del raffrescamento dell’aria. A differenza del primo modello, AQU 30.000 è grande 134 x 134 x 113 cm, ha una potenza di 3000 W, consuma 25-30 litri di acqua ogni ora e ha una rumorosità inferiore a 78 db.

 

AQU 50.000

Recente new entry nel catalogo Aquarial è il raffrescatore fisso AQU 50.000, il macchinario più grande e potente della nostra gamma che consente di raffrescare con un solo raffrescatore grandi volumi d’aria e, in particolare, aree industriali ampie fino a 500 mq costrette a lavorare con porte e finestre aperte. Anche AQU 50.000, così come i precedenti ti consente di beneficiare della detrazione fiscale per impianti di climatizzazione pari al 50%.

 

Le dimensioni di AQU 50.000 sono 150 x 150 x 145 cm, ha una potenza di 4000 W, consuma 25-30 litri di acqua ogni ora e ha una rumorosità inferiore a 87 db. Nonostante la sua potenza e grandezza, il raffrescatore fisso AQU 50.000 rimane la scelta più economica, ecologica ed efficiente per le industrie, sia in termini di installazione e manutenzione, sia in termini di consumi nel tempo.

 

 

Se ti sei convinto che i raffrescatori fissi Aquarial sono la scelta ideale per raffrescare l’estate della tua azienda, ricorda che hai tempo fino a fine 2021 per aderire al Piano Nazionale Industria 4.0 e ricevere il rimborso del 50% sulla spesa sostenuta per l’acquisto del tuo nuovo impianto di raffrescamento Aquarial.

 

Non perdere la detrazione fiscale per impianti di climatizzazione, scopri tutti i dettagli sulla pagina dedicata a Industria 4.0 e contattaci per maggiori informazioni.

Richiedi informazioni