Raffrescatori come impianti di depurazione aria

09 Settembre 2021

Raffrescatori come impianti di depurazione aria

Gli impianti di depurazione aria sono indispensabili e, talvolta, obbligatori in alcuni contesti lavorativi. Grazie ai ricambi d’aria che generano, i raffrescatori evaporativi sono considerati perfetti depuratori d’aria.

 

Il tema della sanificazione dell’aria ha sempre avuto una particolare rilevanza, soprattutto per gli HSE Manager e per tutti coloro che, all’interno di un’organizzazione pubblica o privata, sono responsabili del settore Ambiente e Sicurezza.

Tuttavia, da un anno e mezzo a questa parte, il tema della sanificazione degli ambienti, e in particolar modo quelli frequentati da molte persone, è ancora più caldo. A tal proposito, l’Istituto Superiore di Sanità (ISS), che è il principale centro di ricerca, controllo e consulenza tecnico-scientifica in materia di sanità pubblica, ha effettuato specifici studi sulla diffusione dei virus.

 

Ciò che è emerso nel Rapporto ISS COVID-19 N° 33/2020 riguarda l’impatto significativo dei ricambi d’aria per ventilazione sulla diluizione della carica infettante virale: gli impianti ventilazione consentono di eliminare il 99,9% degli inquinanti gassosi ogni 20 minuti, già con soli 15 ricambi d’aria.

I raffrescatori evaporativi, che nascono con la funzione, appunto, di raffrescare l’aria degli ambienti di medie e grandi dimensioni, sono stati identificati come perfetti impianti di deputazione dell’aria perché garantiscono continui ricambi d’aria e rientrano tra gli impianti di ventilazione indicati dall’Istituto Superiore di Sanità nel suo Rapporto che, con soli 15 ricambia d’aria, riducono la carica virale.

 

Come fanno i raffrescatori a sanificare l’aria?

 

Come anticipato, i raffrescatori evaporativi hanno una duplice funzione: da un lato rendono l’aria più fresca, dall’altro sanificano l’aria, pulendola da virus, batteri, germi e, più in generale, da inquinanti gassosi.

Ciò è possibile grazie al fatto che questi impianti di raffrescamento sfruttano il principio adiabatico naturale. Si tratta del sistema di raffrescamento e depurazione dei locali più antico al mondo, che mette in pratica il principio fisico naturale per cui l’acqua, evaporando, abbassa la temperatura e restituisce nell’ambiente circostante aria fresca e sanificata.

 

Nello specifico, all’interno del raffrescatore vi è un ventilatore che aspira l’aria calda e impura presente nel locale e la trasferisce contro uno speciale pannello evaporante composta da cellulosa e costantemente bagnato da acqua fredda. L’acqua, attraversando l’aria gli alveoli del pannello evaporante, si raffredda e cede il suo calore all’acqua, che evapora. L’acqua viene scaricata automaticamente e ciò non ne permette il ristagno, mentre l’aria fresca e pulita da inquinanti gassosi viene rimessa nell’ambiente grazie al ventilatore.

Il particolare ed efficace funzionamento permette ai raffrescatori evaporativi di essere uno dei migliori impianti di depurazione aria che, a differenza dei tradizionali impianti di climatizzazione, ricambia l’aria presente nei locali chiusi, non permette il continuo ricircolo della stessa e, di conseguenza, non favorisce la proliferazione dei virus.

 

In quali contesti possono essere installati i raffrescatori evaporativi?

 

I raffrescatori evaporativi possono essere impiegati in diversi settori, proprio per il fatto che si basano sulla climatizzazione naturale, non impiegano gas refrigeranti dannosi per l’ambiente e non richiedono particolari interventi di manutenzione. Inoltre, sono indicati per raffrescare e depurare l’aria in ambienti con porte e finestre aperte.

 

Aquarial, azienda italiana leader nella produzione e nella commercializzazione di raffrescatori evaporativi, propone modelli portatili e modelli fissi.

  • I raffrescatori portatili sono pronti all’uso e possono essere posizionati e trasportati con praticità. Sono disponibili sia modelli che coprono piccoli spazi, sia modelli possono coprire fino a 400-500 mq.

  • I raffrescatori fissi possono essere installati su soffitti e pareti e possono coprire superfici fino a 500 mq.

 

I raffrescatori come impianti di depurazione aria e raffrescamento sono particolarmente indicati per le industrie di qualsiasi settore: dall’industria metallurgica a quella metalmeccanica, dalle aziende chimiche a quelle farmaceutiche. Inoltre, sono ideali anche per palestre private, palestre delle scuole e di centri sportivi, ambienti caratterizzati da aria umida che necessita di essere costantemente sanificata per evitare la proliferazione dei virus. Sono infine perfetti per depurare l’aria delle sale interne ed esterne di bar e ristoranti.

 

Per saperne di più sull’utilizzo dei raffrescatori evaporativi come depuratori di aria, visita la pagina dedicata del sito di Aquarial e contattaci per ricevere una consulenza personalizzata!

Richiedi informazioni