Ceramica evaporativa: un esempio di raffrescamento naturale

11 Maggio 2016

Ceramica evaporativa: un esempio di raffrescamento naturale

Quanti materiali utilizziamo ogni giorno, sottovalutandone pregi e qualità? È il caso della ceramica, che può trasformarsi in un vero e proprio mezzo di raffrescamento naturale, contro la dispersione di energia e l’impatto ambientale, tipici dei tradizionali sistemi di climatizzazione.

Contro il caldo torrido…

Difendersi dal caldo in ambienti interni, utilizzando i tradizionali impianti di condizionamento, deve tener conto di:

  • grande consumo di energia
  • diffusione di aria fresca utilizzando fluidi refrigeranti
  • evidente impatto ambientale

Gli apparecchi diffusori di aria condizionata, inoltre, introducono continuamente nell’ambiente la stessa aria viziata e povera di ossigeno, obbligano a tenere porte e finestre chiuse e necessitano di pulizia e manutenzione continua, per evitare l’accumulo di polveri all’interno dei filtri.

Tutto questo comporta spese elevate e spesso risultati inefficaci, soprattutto in grandi ambienti.

Ceramica e raffrescamento naturale

Senza usare il condizionatore, ecco un nuovo sistema per evitare le sofferenze causate dal caldo torrido in ambienti chiusi. Protagonista è la ceramica.

L’innovativo sistema di raffrescamento ha origine da due elementi tradizionali dell’architettura orientale: si tratta di forme tridimensionali cave, in ceramica, collegate con connettori di nylon o ottone e pieni d’acqua. Senza utilizzare elettricità, il sistema funziona sfruttando lo stesso principio del vaso in argilla: grazie alla porosità della superficie, l’acqua evapora abbassa la temperatura dell’ambiente in cui la struttura è posizionata.

Inoltre, senza chiudere il passaggio di aria e luce, il sistema di raffrescamento scherma gli spazi della casa dal livello della strada, isolando l’edificio dalla calura esterna.

Come funziona il raffrescamento dalla ceramica?

I moduli del sistema di raffrescamento in ceramica sono creati con argilla colata in stampo in cui l’acqua, versata manualmente, riempie i moduli delle dimensioni 33 x 33 cm e con spessore di 3 mm, fino a 550 ml totali.

Resistenti alle intemperie, i sistemi di raffrescamento in ceramica sono efficaci sia in spazi pubblici che privati(terrazze e balconi).

L’ acqua trasuda ed evapora attraverso le pareti del sistema a ceramica: l’origine del raffrescamento naturale. Per essere più efficace è utile posizionare la struttura modulare in una corrente d’aria, in un passaggio, in una finestra o vicino a un ventilatore.

Il sistema di raffrescamento a ceramica è solo uno degli esempi possibili per generare aria fresca ecologica, alternativamente agli impianti di condizionamento, ottenendo lo stesso effetto in comfort termico, ma limitando l’impatto ambientale e l’utilizzo di liquidi refrigeranti.

Il raffrescamento naturale migliora la nostra vita